GANZFELD

06 aprile 2006

Inno alla tristessa

Qui si trovano gli inni che usano i partiti. Dalle mie parti non è malaccio, Canzone Popolare, U2 per la Margherita (bah!), Rino Gaetano. Poi c'è AN che ha una roba che sembra la sigla di un tiggì che diventa l'internazionale ma poi si cammuffa. I giovani di Forza Italia, poracci, è tremendo. I Comunisti Italiani con bandiera rossa proprio sono pateteci. Un tempo ci si doveva far la rivoluzione, ora sta all'1.5%. (arridaje sti partitini, e lasciali stare un po', no?!)
Infine, il momento più alto. L'Incredibile Inno dell'Udeur. Lo sento e mi prende quella sensazione di sincera incredulità. Non mi sembra vero che qualcuno l'abbia scritto e, peggio, qualcun'altro approvato. Sentitelo, terribile. durante l'ascolto pensate agli occhi ipertiroidei del Mastella che roteano, ansiosi e senza meta.
Uau.

2 Comments:

  • UDEUR verrà-UDEUR-UDEUR-UDEUR verrà...
    Francesca

    By Anonymous Anonimo, at 02:08  

  • hahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahaha!!!!! Minchia lore ma facciamogliela noi la sigletta a sti poveri cristi !! VULVANTIBUS

    By Anonymous Anonimo, at 14:23  

Posta un commento

Links to this post:

Crea un link

<< Home